Controllo del Vicinato

Strumento di prevenzione contro la microcriminalitĂ , che presuppone la partecipazione attiva dei cittadini residenti in una determinata zona e la collaborazione di questi ultimi con le Forze di Polizia.

Cos’è il Controllo del Vicinato

E’ uno strumento di prevenzione contro la microcriminalità, che presuppone la partecipazione attiva dei cittadini residenti in una determinata zona e la collaborazione di questi ultimi con le Forze di Polizia.

Aderire al Controllo del Vicinato vuol dire promuovere la sicurezza urbana attraverso la solidarietĂ  tra cittadini, allo scopo di ridurre il verificarsi di reati predatori contro la proprietĂ  e le persone.

 

Cosa NON è il Controllo del Vicinato

Non è una forma di presidio “mobile” del territorio.

Non comporta l’assunzione di alcuna forma di rischio.

Non richiede alcuna forma di addestramento specifico.

 

Chi sono gli attori del progetto

  • La cittadinanza
  • I Gruppi di vicinato
  • I Coordinatori dei Gruppi
  • I Referenti
  • Amministrazione Comunale e Forze dell’Ordine

 

Cosa bisogna segnalare

I cittadini aderenti ad un gruppo Controllo del Vicinato acquisiscono semplicemente l’attitudine di alzare il livello di attenzione e di segnalare al gruppo cui aderisce e al relativo Coordinatore accadimenti sospetti fornendo più dettagli possibili.

  • Furti e microcriminalitĂ 
  • Truffe o raggiri porta a porta
  • Presenza di persone o auto palesemente sospette
  • Emergenze ambientali

 

Cosa NON fare

Il gruppo di “Controllo del Vicinato” non si sostituisce alle Forze di Polizia che hanno il compito esclusivo di svolgere l’attivitĂ  di repressione e di ricerca degli autori dei reati.

I cittadini appartenenti ai gruppi di controllo di vicinato:

  • Non fanno inseguimenti, pattugliamenti o ronde
  • Non si sostituiscono alle Forze dell’Ordine
  • Non intervengono attivamente in caso di reato
  • Non arrestano ladri o sospetti tali
  • Non fanno indagini
  • Non schedano le persone.

 

Il ruolo dei Cittadini

La collaborazione tra vicini è fondamentale affinché si instauri un clima di sicurezza che venga percepito da tutti i residenti, in particolare dalle fasce più vulnerabili come anziani e bambini

  • Un buon vicino è il miglior strumento di prevenzione
  • Accoglienti ma attenti
  • Guardiani naturali del proprio territorio
  • Rendere ai ladri la vita difficile.

 

Compiti dei Coordinatori

L’amministrazione dei Gruppi di controllo del vicinato viene affidata ad un Coordinatore. Il Coordinatore è un cittadino nominato dal gruppo cui fa parte e garantisce l’indipendenza del gruppo stesso.

  • Mantiene una comunicazione bilaterale tra il Gruppo e Forze dell’Ordine / Amministrazione Locale
  • Tiene i contatti con gli altri Coordinatori di zona
  • Filtra e comunica solo le segnalazioni importanti;
  • Mette insieme piccoli indizi per poterli comunicare correttamente alle Forze dell’Ordine e aggiorna i residenti sui relativi sviluppi
  • Diffonde tra le famiglie del gruppo avvisi o allerte che arrivano dalle FF.OO., relativi a furti o reati commessi nel proprio territorio
  • Incoraggia i residenti dell’area alla vigilanza e a mettere in pratica misure preventive contro il crimine
  • Accoglie nuovi vicini informandoli ed integrandoli nell’attivitĂ  di controllo del vicinato

L’instaurarsi di un dialogo continuo e sensibile tra le Forze dell’Ordine e la ComunitĂ  non può che migliorare la comunicazione e la qualitĂ  delle segnalazioni fatte dai cittadini con la mediazione dei “Coordinatori”.

 

WhatsApp Messenger

La principale piattaforma di messaggistica utilizzata dai vari gruppi per le comunicazioni e le segnalazioni tra membri dei gruppi e tra i Coordinatori è l’applicazione WhatsApp Messenger.

 

Come si gestiscono i gruppi

Piccoli accorgimenti vanno adottati per rendere piĂą efficace il Controllo del Vicinato:

  • Il Coordinatore di zona crea un gruppo WhatsApp con una denominazione appropriata a luogo, via o quartiere di residenza;
  • Il gruppo WhatsApp è un gruppo MUTO che si utilizza solo ed esclusivamente per le segnalazioni;
  • Nell’ambito dell’attivitĂ  svolta dal Controllo del Vicinato fare attenzione ai limiti normativi. Evitare calunnia, diffamazione, procurato allarme.
  • Aderire al progetto CdV NON prevede in alcun caso l’intervento diretto dei cittadini, nĂ© azioni eroiche;
  • In situazioni di emergenza (ad esempio furti, rapine, aggressioni in atto, incendi o emergenze sanitarie) è indispensabile chiamare IMMEDIATAMENTE i numeri per le emergenze e poi avvisare il gruppo:
    • 112 Forze dell’Ordine
    • 115 Vigili del Fuoco
    • 118 Ambulanza
  • Notizie o eventuali documenti inerenti segnalazioni condivise all’interno del Controllo del Vicinato NON DEVONO MAI USCIRE DAL GRUPPO, nĂ© essere riportate sui social networks (es. Facebook, Twitter, etc.).

 

Il risvolto sociale

Il Controllo del Vicinato

  • Sviluppa territorialitĂ 
  • Senso di appartenenza alla comunitĂ 
  • Maggiore consapevolezza di ciò che avviene nel proprio ambiente.
  • Riduce l’anonimato tra vicini
  • Crea reti di protezione per i soggetti piĂą vulnerabili come anziani o persone sole

Tra le finalità dell’Associazione Controllo del Vicinato rientrano anche quelle di agevolare ed incentivare la collaborazione, lo spirito di solidarietà e di socializzazione tra cittadini. Come riscontriamo nelle chat dei Gruppi CdV, molte volte vengono pubblicati messaggi relativi a temi diversi, ma comunque di interesse e di utilità collettiva. A discrezione delle Amministrazioni comunali che adottano il progetto, dei Referenti e dei Coordinatori, può essere prevista una chat definita “di socializzazione” che può essere denominata “CdV «nome comune» Social”:

  • Promozione di Manifestazioni al Volontariato vario
  • Ricerca o smarrimento di animali d’affezione
  • Interruzione di servizi o di forniture alle utenze
  • Situazioni di degrado urbano e disagio
  • Atti di vandalismo contro cose o proprietĂ 
  • CriticitĂ  ambientali come abbandono di rifiuti, incendi o inquinamento
  • Presenza di ostacoli sulle vie di comunicazione
  • Notizie o informazioni varie, come anche notizie o aggiornamenti in merito all’emergenza sanitaria o atmosferica.

 

Come aderire

Per informazioni:

Contatti COMUNE DI CAPPELLA MAGGIORE

 

Per Aderire:

inviare modulo compilato e copia carta identitĂ  alla mail protocollo@comune.cappellamaggiore.tv.it


SCARICA IL MODULO DI ADESIONE  SCARICA IL PIEGHEVOLE INFORMATIVO STAMPABILE

 

Associazione Controllo del Vicinato

www.acdvevents.it

segreteria.organizzativa@acdv.it

Pagina aggiornata il 19/07/2023

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterĂ  a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltĂ ?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri
Salta al contenuto