Servizi Sociali

PRINCIPALI SERVIZI EROGATI:

 

  • Servizio Sociale Professionale
  • Segretariato Sociale
  • Assistenza Domiciliare
  • Servizio di trasporto a favore delle persone in situazione di disagio
  • Telesoccorso e Telecontrollo
  • Agevolazioni di viaggio sui mezzi di trasporto pubblico locale
  • Pratiche di invalidità civile e indennità di accompagnamento
  • Mini Alloggi di edilizia residenziale pubblica
  • Soggiorni climatici anziani
  • Ricoveri in casa di riposo e centro diurno per non autosufficienti
  • Contributo economico assistenziale
  • Contributi regionali per abbattimento barriere architettoniche
  • Assegno di cura
  • Assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori
  • Assegno di maternità
  • Contributo per le spese di affitto
  • Elenco CAAF convenzionati con il Comune

 

SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE

Il Servizio Sociale Professionale, area del sapere specifico per l´aiuto alla persona in difficoltà nella realizzazione del suo percorso di vita, è preposto alla realizzazione delle politiche assistenziali di aiuto e sostegno al singolo ed alla famiglia.

L´Assistente Sociale, professionista del Servizio Sociale Professionale, interviene nella individuazione delle carenze e dei bisogni del singolo, della famiglia e della comunità, ne valorizza l´autonomia, le soggettività, la capacità di assumersi responsabilità, li sostiene nell´uso delle risorse proprie e della società promuovendo ogni iniziativa adatta a ridurre i rischi di emarginazione.

L´Assistente Sociale, considera ed accoglie ogni persona portatrice di una domanda, di un bisogno, di un problema come unica e distinta da altre in analoghe situazioni, e la colloca nel suo contesto di vita, di relazione, di ambiente.

In accordo col singolo e con il coinvolgimento della famiglia, predispone un piano di intervento individualizzato basato su quelle che sono le difficoltà, i bisogni e le risorse dei soggetti, fornendo anche informazioni e consulenza per favorire la fruizione dei servizi esistenti sul territorio.

torna ad inizio pagina

 

SEGRETARIATO SOCIALE

Il Segretariato Sociale costituisce una serie attiva di informazioni rivoltea tutti i cittadini che ne hanno interesse ed alla comunità locale nel suocomplesso e nei suoi raggruppamenti.

Fornisce, in rapporto alle esigenze esistenziali, notizie pertinenti sullareale situazione locale e generale in fatto di risorse e sulla prassi peraccedervi.

torna ad inizio pagina

 

ASSISTENZA DOMICILIARE

  • Destinatari

    Il servizio di Assistenza Domiciliare è rivolto agli anziani, ai disabili, ai minori ed ai nuclei familiari che si trovino, anche temporaneamente, in condizioni di bisogno sociale, psico-fisico o economico.

    È un servizio volto allo svolgimento di prestazioni quali:

    • l´igiene degli ambienti, il servizio di lavanderia , la preparazione dei pasti;
    • prestazioni relative ai bisogni della persona quali l´igiene personale;
    • l´acquisto di generi alimentari, medicinali o altro;
    • il disbrigo di commissioni quali il ritiro della pensione, il pagamento di bollette, ecc.;
    • trasporto a visite medico-specialistiche;
    • supporto alla persona per la realizzazione dei progetti individuali predisposti dall´Assistente Sociale.
  • Modalità di accesso

    L´Assistente Sociale accoglie ed esamina le domande, predispone l´avvio dell´intervento in accordo con i familiari e verifica il funzionamento del servizio.

    Le prestazioni al domicilio dell’utente vengono svolte dalle Assistenti Domiciliari dal lunedì al venerdì.

  • Altre informazioni

    Il servizio è disciplinato da un Regolamento Comunale secondo il quale i richiedenti, in base al reddito, sono tenuti o meno ad una compartecipazione economica su base oraria.

torna ad inizio pagina

 

SERVIZIO DI TRASPORTO A FAVORE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DIDISAGIO

  • Destinatari

    Viene offerto un servizio di trasporto a favore dei cittadini in stato di disagio sia psicofisico che socio economico. Tale servizio, gratuito, è garantito con l´ausilio:

    • personale assegnato all´Ente dall´Ufficio Nazionale per il Servizio civile;
    • volontari singoli o aderenti a gruppi ed associazioni operanti nel settore dell´assistenza e dei servizi alla persona;
    • lavoratori socialmente utili.
  • Modalità di accesso

    Per l´attivazione di tale servizio è necessario presentare istanza sull´apposito stampato.

    L´Assistente Sociale provvederà poi a valutare la situazione sociale dell´istante oltre che la disponibilità, nel momento richiesto, di personale accompagnatore e di mezzi di trasporto.

torna ad inizio pagina

 

TELESOCCORSO E TELECONTROLLO

  • Destinatari

    È un servizio di rilevazione di richieste d´aiuto attraverso un collegamento telefonico, attivo 24 ore su 24, fra l´abitazione e una società specializzata.

    È destinato ad anziani, in particolare quelli che vivono da soli, o altre persone affette da patologie con rischio di improvvisa crisi.

  • Modalità di accesso

    Si attiva dietro presentazione di domanda presso l´Ufficio Servizi Sociali, che provvede al disbrigo delle relative pratiche. Attualmente il servizio viene erogato gratuitamente.

torna ad inizio pagina

 

AGEVOLAZIONI DI VIAGGIO SUI MEZZI DI TRASPORTO PUBBLICOLOCALE

  • Destinatari

    Sono previste agevolazioni per l´utilizzo dei mezzi pubblici per gli invalidi e portatori di handicap con grado di invalidità non inferiore al 67%, i ciechi, i sordomuti, gli invalidi del lavoro, gli invalidi di guerra e per servizio, i minori beneficiari di indennità di accompagnamento o di frequenza, i pensionati con trattamento economico non superiore al trattamento minimo I.N.P.S. di età superiore ai 60 anni.

  • Modalità di accesso

    L´Ufficio Servizi Sociali raccoglie le domande, svolge l´istruttoria ed inoltra la richiesta di rilascio della tessera di agevolazione alla Provincia.

torna ad inizio pagina

 

PRATICHE DI INVALIDITÀ CIVILE E INDENNITÀ DIACCOMPAGNAMENTO

  • Destinatari

    I soggetti affetti da una o più patologie certificate dal proprio Medico di base, possono richiedere alla U.L.S.S. il riconoscimento dell´invalidità civile o l´aggravamento della stessa.

    L´Ufficio Servizi Sociali supporta l´utente nel disbrigo delle relative pratiche.

  • Modalità di accesso

    Ai fini della presentazione della domanda, è necessario che il Medico di base rilasci un certificato relativo alle condizioni psico-fisiche del soggetto richiedente.

    Il modello di domanda può essere ritirato presso l´Ufficio Servizi Sociali del Comune.

torna ad inizio pagina

 

MINI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

  • Destinatari

    Il Comune di Cappella Maggiore assegna, nei limiti delle disponibilità presenti, dei mini alloggi destinati ad anziani autosufficienti che abbiano superato il sessantesimo anno di età.

    Per poter accedere sono necessari i seguenti requisiti:

    1. cittadinanza italiana o di uno Stato aderente all'Unione Europea. Sono ammessi i cittadini di altri Stati e gli apolidi titolari di carta di soggiorno, oppure regolarmente soggiornanti, in possesso di permesso di soggiorno e che esercitino regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo;
    2. residenza anagrafica nel Comune di Cappella Maggiore da almeno 10 anni rispetto alla data di scadenza del termine fissato per la presentazione delle domande;
    3. aver superato il 60° anno di età alla scadenza del termine fissato per la presentazione delle domande. Nel caso in cui il nucleo familiare sia costituito da due persone (numero massimo) è sufficiente che uno dei componenti il nucleo stesso (purché richiedente) abbia superato il suddetto limite di età e sempreché la convivenza con il concorrente abbia avuto inizio almeno due anni prima della data di pubblicazione del presente bando di concorso;
    4. autosufficienza clinicamente documentata. Qualora uno dei componenti il nucleo familiare dovesse risultare non autosufficiente, l'altro coniuge, parente e/o convivente dovrà farsi carico di prestare la dovuta assistenza alla persona non autosufficiente;
    5. non titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su alloggio/i o parti di essi che non siano stati dichiarati inagibili con specifico provvedimento, per i quali il 6% del valore catastale complessivo sia superiore al 50% di una pensione minima INPS annua, ubicato/i in qualsiasi Comune del territorio nazionale;
    6. assenza di precedenti assegnazioni in proprietà immediata o futura di alloggio realizzato con contributi pubblici o assenza di precedenti finanziamenti agevolati in qualunque forma concessi dallo Stato e da Enti pubblici, sempreché l'alloggio non sia inutilizzabile o distrutto senza dar luogo al risarcimento del danno;
    7. reddito annuo complessivo del nucleo familiare in misura non superiore al limite per l'accesso stabilito dalla Giunta Regionale del Veneto.
    8. non aver ceduto in tutto o in parte, fuori dai casi previsti dalla legge, l'alloggio in Edilizia Residenziale Pubblica eventualmente assegnato in precedenza in qualsiasi forma;
    9. non occupare senza titolo un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica.

 

  • Modalità di accesso

    I soggetti interessati devono presentare domanda, su apposito modulo, secondo le modalità e tempi fissati dal bando comunale (il bando viene emesso ogni 2 anni).

  • Un´apposita Commissione valuterà le domande pervenute e formerà la graduatoria che verrà poi approvata dal Comune di Cappella Maggiore.

torna ad inizio pagina

 

SOGGIORNI CLIMATICI ANZIANI

  • Destinatari

    Vengono organizzati ogni anno i soggiorni climatici per anziani, in località montane e marine.

  • Modalità di accesso

    Le iscrizioni si raccolgono ogni anno, orientativamente nei primi giorni di marzo, e comunque a seguito di avviso pubblicato con adeguato anticipo. Possono accedere le persone con età superiore a 60 anni.

torna ad inizio pagina

 

RICOVERI IN CASA DI RIPOSO E CENTRO DIURNO PER NONAUTOSUFFICIENTI

  • Destinatari

    Persone anziane non autosufficienti.

  • Modalità di accesso

    Per poter accedere in una casa di riposo per non autosufficienti è necessario richiedere la valutazione da parte dell´Unità Valutativa Multidimensionale Distrettuale.

    Tale richiesta viene inoltrata per mezzo dell’Ufficio Servizi Sociali del Comune al Distretto Socio Sanitario.

    Dovrà inoltre essere compilata la scheda S.V.A.M.A. a cura del medico di base, dell’Assistente Sociale del Comune e dell’Assistente Sanitaria del Distretto.

    Tale scheda servirà per accedere alle graduatorie delle Case di Riposo prescelte.

 

torna ad inizio pagina

 

CONTRIBUTO ECONOMICO ASSISTENZIALE

  • Destinatari

    È un contributo straordinario a favore di nuclei familiari o anche soggetti singoli in contingenti ed imprevedibili situazioni di difficoltà economica per poter far fronte a necessità quotidiane quali l´acquisto di generi alimentari di prima necessità, il pagamento totale o parziale di utenze.

  • Modalità di accesso

    Il richiedente dovrà presentare una istanza corredata della documentazione che gli verrà di volta in volta richiesta.

    L´Assistente Sociale valuterà la situazione socio-economica del richiedente e dei civilmente obbligati e predisporrà una relazione per la concessione del contributo.

torna ad inizio pagina

 

CONTRIBUTI REGIONALI PER ABBATTIMENTO BARRIEREARCHITETTONICHE

  • Destinatari

    Le persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale e coloro i quali abbiano in carico tali persone, possono presentare richiesta di contributo per l´abbattimento delle barriere architettoniche in edifici privati già esistenti, ai sensi della Legge Regionale numero 41/1993 e della Legge numero 13/1989, o sui mezzi di locomozione, ai sensi della Legge Regionale numero 41/1993.

  • Modalità di accesso

    Le domande, in bollo, devono essere presentate in Comune prima della realizzazione delle opere e dell´acquisto degli ausili e attrezzature, entro il 1º marzo di ogni anno relativamente alla Legge 13/89 ed entro il 31 marzo di ogni anno relativamente alla Legger Regionale 41/93.

torna ad inizio pagina

 

ASSEGNO DI CURA

  • Destinatari

    Le persone non autosufficienti residenti nel Veneto assistite a domicilio, le persone che devono avvalersi a titolo oneroso di una o più assistenti familiari (badanti), le famiglie che assistono persone affette da demenza, di tipo Alzheimer o di altro tipo, accompagnata da gravi disturbi comportamentali, che siano in possesso dei requisiti economici e di punteggio minimo stabiliti annualmente dalla Regione, possono accedere al contributo regionale “assegno di cura”.

  • Modalità di accesso

    La domanda, redatta su apposito modulo, dovrà essere presentata da chi presta l´assistenza alla persona non autosufficiente, presso l´Ufficio Servizi Sociali del Comune.

    Unitamente alla domanda dovrà essere prodotta la dichiarazione I.S.E.E. relativa alla persona non autosufficiente ed ai familiari conviventi.

torna ad inizio pagina

 

ASSEGNO AI NUCLEI FAMILIARI CON ALMENO TRE FIGLI MINORI

  • Destinatari

    In base alla Legge numero 448 del 23 Dicembre 1998, le famiglie italiane o comunitarie con almeno tre figli minori a carico, la cui situazione reddituale e patrimoniale (mobiliare ed immobiliare), non superi la soglia stabilita annualmente dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, possono presentare istanza di contributo.

  • Modalità di accesso

    Le famiglie in possesso dei requisiti possono presentare domanda di assegno per nucleo familiare numeroso presso uno dei CAAF convenzionati con il Comune di Cappella Maggiore entro il 31 Gennaio di ogni anno per l´anno precedente.

  • Altre informazioni

    Qualsiasi ulteriore informazione circa le soglie I.S.E. aggiornate e/o la documentazione da esibire al CAF, può essere richiesta all´Ufficio Servizi Sociali.

torna ad inizio pagina

 

ASSEGNO DI MATERNITÀ

  • Destinatari

    In base alla legge numero 448 del 23 Dicembre 1998 e successive modificazioni, hanno diritto all´assegno di maternità per ogni figlio nato o adottato o in affidamento pre-adottivo le madri in possesso dei seguenti requisiti:

    • Residenti in Comune, cittadine italiane o comunitarie o in possesso di carta di soggiorno ai sensi dell´articolo 9 del Decreto Legislativo 25 Luglio 1998 numero 286;
    • Che non beneficiano del trattamento previdenziale della indennità di maternità (o il cui importo sia inferiore all´importo dell´assegno annualmente stabilito);
    • Il cui nucleo familiare abbia una situazione reddituale e patrimoniale (mobiliare ed immobiliare) che non superi la soglia stabilita annualmente dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.
  • Modalità di accesso

    Le madri possono presentare domanda di assegno di maternità, entro i sei mesi dal parto, presso uno dei CAAF convenzionati con il Comune di Cappella Maggiore.

  • Altre informazioni

    Qualsiasi ulteriore informazione circa le soglie I.S.E. aggiornate e/o la documentazione da esibire al CAF, può essere richiesta all´Ufficio Servizi Sociali.

torna ad inizio pagina

 

CONTRIBUTO PER LE SPESE DI AFFITTO

  • Destinatari

    Lo Stato con Legge 431/1998, articolo 11, ha istituito un Fondo per il sostegno all´accesso alle abitazioni in locazione.

    Per poter accedere al contributo è necessario:

    • Essere titolari di un contratto di locazione ad uso abitativo, registrato, ai sensi della Legge 27 Luglio 1978 numero 392 o della Legge 8 Agosto 1992 numero 359, articolo 11 commi 1 e 2 oppure della Legge 9 Dicembre 1998 numero 431; tale contratto non deve essere stato stipulato tra parenti ed affini entro il secondo grado o tra coniugi non separati legalmente;
    • Non essere titolari di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su alloggio/i o parti di essi per i quali il sei per cento del valore catastale complessivo sia superiore al cinquanta per cento di una pensione minima I.N.P.S. annua, ubicati in qualsiasi comune del territorio nazionale;
    • Di non essere titolari di un valore I.S.E.E-F.S.A.L. superiore a quello stabilito annualmente dalla Regione;
    • Di non occupare unità immobiliari incluse nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.
  • Modalità di accesso

    Il bando per l´accesso a tale fondo viene pubblicato annualmente dall´Ufficio Servizi Sociali del Comune, a seguito di pubblicazione della delibera di Giunta Regionale che stabilisce i requisiti di accesso ed i tempi di presentazione delle istanze.

    La domanda di contributo per le spese di affitto dovrà essere presentata con le modalità e i tempi stabiliti nel bando comunale.

  • Altre informazioni

    Qualsiasi ulteriore informazione può essere richiesta all´Ufficio Servizi Sociali.

torna ad inizio pagina

 

ELENCO CAAF CONVENZIONATI CON IL COMUNE

Per il rilascio della dichiarazione I.S.E./ I.S.E.E è necessario rivolgersia uno dei seguenti C.A.A.F.:../files/Elenco%20CAAF%202013.pdf.

torna ad inizio pagina

torna all'inizio del contenuto